Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso Informazioni Ok

Didattica| La Pietà a scuola | anno scolastico 2016- 2017

  1. Home
  2. Istituto
  3. Cultura
  4. Didattica| La Pietà a scuola | anno scolastico 2016- 2017

Didattica| La Pietà a scuola | anno scolastico 2016- 2017

  • Descrizione L’Istituto Provinciale per l’Infanzia “Santa Maria della Pietà” ha ideato alcuni laboratori didattici per ragazzi, al fine di far conoscere loro il patrimonio storico ed artistico conservato nella Chiesa di S. Maria della Visitazione, nell'Archivio Storico e nel percorso museale della Chiesa della Pietà Vi.Ve. Vivaldi Venezia.
    Qui, infatti, il famoso compositore veneziano insegnava alle giovani orfane, che crescevano nell’Istituto, l’arte della musica.
    Un percorso che si snoda tra vita quotidiana e musica, tra storia e arte, in uno dei luoghi più importanti della città.

    LA PIETA’ A SCUOLA
    Laboratori didattici e percorsi tematici per l’anno scolastico 2016 – 2017

    OBIETTIVI
    Da lungo tempo è ampiamente condiviso che una vera azione di didattica della cultura è parte integrante della valorizzazione del patrimonio storico – artistico nazionale e per quanto riguarda le scuole è da semplificare attraverso la forma del gioco e della sperimentazione: “faccio dunque imparo” (B. Munari).
    Il gioco è da sempre stato propedeutico alla conoscenza e all'apprendimento, quindi un'esperienza didattica basata sulle attività che ruotano attorno ad un museo e ad un archivio e che vengono trasformate in gioco – apprendimento, aiuta i ragazzi a diventare futuri attenti fruitori della cultura e del patrimonio.
    I laboratori didattici, dunque, mirano ad una maggior comprensione da parte dei ragazzi delle tematiche esposte durante la visita al museo e alla chiesa, utilizzando sia la loro partecipazione attiva durante la visita, sia il gioco come momento di verifica.
    Data la vastità del patrimonio culturale, che si articola in discipline storiche e storico – artistiche, per ogni settore è prevista un'attività che sarà diversificata nei contenuti specifici, ma non in quelli di base, che vogliono comunicare al giovane fruitore la funzione primaria dell'Istituto in città, durante la sua storia.
    Grazie alla pluralità del patrimonio conservato, esso si presta ad approfondire anche alcuni aspetti più generali ed è per questo motivo che esiste la possibilità di studiare con gli insegnanti percorsi o attività su misura per le classi.

    DESTINATARI
    L'attività didattica è rivolta principalmente ai ragazzi delle scuole.
    Per quanto riguarda le scolaresche è utile coinvolgere sia quelle del territorio che in questo modo vengono a conoscenza di un ulteriore aspetto della loro città, che quelle di altre province o regioni
    che hanno così la possibilità di acquisire nuove informazioni, di allargare le loro conoscenze e di confrontarsi con una realtà lontana dalla loro.
    ATTIVITA’
    I laboratori didattici verranno condotti dalle curatrici della sezione culturale dell'Istituto che hanno studiato percorsi tematici e attività indirizzandoli ad uno specifico pubblico.
    I percorsi sono suddivisi in tre macro sezioni, elencate di seguito con brevi esempi di laboratorio.


    “A cena a casa di Simone”. Dal testo all’opera d’arte|  Storia dell’arte
    Luogo: chiesa/percorso museale Vi.Ve. Vivaldi Venezia

    Dopo una breve introduzione sulla storia dell'Istituto, la classe verrà accompagnata in chiesa, dove si osserverà il dipinto del Moretto da Brescia, individuando tecnica, esecuzione e figure rappresentate, partendo dall'osservazione diretta e ravvicinata di alcuni particolari, e accompagnata dal Vangelo di Luca che descrive la scena rappresentata.
    Nel corso della visita, quindi, si introdurrà intuitivamente il concetto di iconografia, tramite l'identificazione di alcuni oggetti e soggetti.
    Il momento di verifica consisterà in un gioco a squadre. Rispondendo correttamente ad ogni domanda sull?identificazione del dipinto, la squadra si aggiudica il pezzo di un puzzle che servirà a ricostruire una figura incontrata durante il nostro percorso (es. figlia di Choro, Vivaldi, Tiepolo).

    Obiettivi e competenze acquisibili :
    - acquisizione della capacità di osservazione
    - sviluppo della capacità di sintesi
    - percezione diretta dell'opera d'arte nella sua totalità
    - lettura dell'opera sotto forma di racconto e descrizione
    Questo tipo di attività potrà essere modificata, sostituendo al dipinto del Moretto, l'affresco di Tiepolo o una delle pale d'altare.
    Costo: euro 5 a partecipante (la quota comprende gli ingressi e il laboratorio didattico). Gratuità per gli accompagnatori.
    Durata dei laboratori e percorsi tematici 2 ore

    MusicArte Pictionary. Disegni in musica| musica
    Luogo: museo/laboratorio/ Vi.Ve. Vivaldi Venezia percorso museale.
    Il percorso inizia dal museo dove verrà illustrata la collezione di strumenti musicali del 700.
    I ragazzi saranno stimolati a riconoscerne categorie e differenze.
    Il percorso prosegue nelle cantorie della chiesa da dove si porranno in evidenza le caratteristiche e le funzioni dell'edificio.
    Da qui l'osservazione dell'affresco del Tiepolo permette di riconoscere gli strumenti raffigurati.
    Il momento di verifica è proposto attraverso uno dei giochi più conosciuti dai ragazzi, Pictionary.

    Obiettivi e competenze acquisibili:
    - sviluppo della capacità di osservazione attraverso gli strumenti musicali
    - sviluppo della comprensione della pianta di una chiesa, suoi elementi architettonici e funzioni
    - educare alla sintesi attraverso il disegno
    - percepire il vero e il falso attraverso il gioco del tromp-l?oeil
    A seconda delle classi che ne faranno richiesta, il percorso e il laboratorio saranno tarati sulla fascia d'età.
    Costo: euro 5 a partecipante (la quota comprende gli ingressi e il laboratorio didattico). Gratuità per gli accompagnatori.
    Durata dei laboratori e percorsi tematici: 2 ore.

    “Quante storie ragazzi!” : sulle tracce dei fantolini della Pietà| Storia
    Luogo: Museo / Archivio storico/ laboratorio.
    Ambito cronologico: dal XVII al XX secolo.
    La proposta didattica consiste nel lavorare sulla storia dei soggetti, sul loro vissuto, sul rapporto individuo collettività, ricostruendo lo sguardo, l'esperienza, la voce dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze che hanno vissuto alla Pietà nei secoli passati. I ragazzi hanno la possibilità di riconoscere esperienze per certi aspetti simili alle loro e per altri distanti, come il lavoro minorile o il rapporto con scuola. Il percorso prevede un primo momento di inquadramento sulla storia e sulla vita alla Pietà, che fornisce ai ragazzi gli strumenti concettuali e lessicali, per comprendere la quotidianità dei bambini all'interno dell'Istituto.
    A partire da un segnale di riconoscimento, segno tangibile dell'abbandono procederanno, infatti, a ricostruire la vita di un “fantolino”, attraverso lo studio di documenti originali. Sarà dunque possibile far riscoprire ai ragazzi uno spaccato della vita sociale ed educativa del periodo.
    Il momento di verifica consiste nel “vestire i panni dello storico”, dunque i ragazzi, divisi in due gruppi di lavoro, scopriranno le vicende personali di un esposto, apprendendo la metodologia storica, le difficoltà della ricerca e l'importanza dell'interpretazione critica delle fonti. Ciascun gruppo sarà coadiuvato nella comprensione dei documenti da un operatore didattico, attraverso la compilazione guidata di una scheda analitica elaborata ad hoc sul modello di quelle utilizzate dagli storici e dagli archivisti. In conclusione ciascun gruppo racconterà quanto appreso ai compagni dell'altra squadra.
    Si sceglieranno fascicoli personali che presentino analoghe problematiche, affinché i ragazzi possano notare analogie e contrasti propedeutici ad avviare, in classe, ulteriori approfondimenti e discussioni.

    Obiettivi e competenze acquisibili:
    - promuovere, fin dalla giovane età, la conoscenza di un archivio storico come un insieme ordinato di documenti di diverso tipo prodotti da una persona fisica o giuridica nell'esercizio delle sue funzioni,
    - apprendere un metodo d'analisi analitico delle fonti storiche, come presupposto dell'interpretazione analitica del documento,
    - comprendere il lavoro dell'archivista e dello storico,
    - acquisire capacità di ricerca e lettura critica di fonti originali diverse riconducibili ad un unico argomento,
    - misurarsi con una mentalità diversa dalla propria,
    - cogliere, in maniera organica, tutte le informazioni deducibili dalle fonti, sviluppando le capacità di comprensione e di sintesi.
    A seconda delle classi che ne faranno richiesta, il percorso e il laboratorio saranno tarati su argomenti diversi.

    INFORMAZIONI GENERALI

    I laboratori comprendono  una visita guidata alla chiesa o al percorso museale o all'archivio storico e un’attività creativa.
    La durata di ogni laboratorio è di un ora e mezza  circa.
    I laboratori sono rivolti a gruppi di minimo 5 bambini e sono indirizzati a famiglie, scuole o associazioni.
    Il costo di ogni laboratorio è di € 5.00 a bambino.

    Per informazioni e prenotazioni
    Referente della Sezione Didattica- Attività culturali- Archivio storico:
    Deborah Pase: deborah.pase@pietavenezia.org
    (oppure : cultura@pietavenezia.org)
    Tel. 041 52222171
    dal lunedì al venerdì  (9- 16)



Inserisci i tuoi dati per iscriverti alla nostra mailing list.
(*)
Letta l'informativa presto il mio consenso affinchè l'Istituto SANTA MARIA DELLA PIETA' VENEZIA possa inviarmi periodica informazione sulle attività culturali dell'Istituto
Logo Istituto Santa Maria della Pietà
Foto slideshow numero 1Foto slideshow numero 2Foto slideshow numero 3Foto slideshow numero 4Foto slideshow numero 5